Totale: 0,00€
 
  • A riva

A riva

  • 18,00€
  • 17,10€



Al suo esordio narrativo, Fabio Scotto, una delle voci poetiche più accreditate della sua generazione, sceglie quale luogo d’elezione il lago, sulle cui rive ha vissuto fin dall’infanzia. Memore della lezione di Vittorio Sereni, Scotto qui unisce le doti del poeta a quelle dello scrittore. Tra poesia e racconto, queste pagine percorrono le rive di laghi diversi, da Varese a Gavirate, da Caldè a Luino, da Como a Lugano, ad Aix-les-Bains e Madison, con lo spirito trepidante di chi scopra, al trascolorare dell’adolescenza nell’età adulta, il valore e la bellezza di ogni essere e cosa, perfino la più piccola (una pozzanghera, un luccio ferito, un uccello trovato morto sul selciato...), per poi farsi struggente evocazione di presenze e amori nel cuore di una stagione, gli anni ’70, che aveva visto i giovani incontrarsi, suonare, fondare radio libere e giornali studenteschi, condividere passioni civili e intellettuali, alla ricerca di un «senso comune» che oggi appare sopraffatto da un individualismo cinicamente bieco e qualunquista.

Dettagli di pubblicazione
Pubblicazione 2009
Genere Prosa e critica letteraria
Pagine 96
Collana Lo scrittoio
Formato Brossura
ISBN 9788888903156
Scorrere il testo per leggere tutte le recensioni.

Scrivi una recensione

Nota: inserire solo testo senza elementi HTML.
    1           5

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per garantirne il corretto funzionamento e per capire come viene utilizzato, con il fine di migliorarne l'esperienza d'uso. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui: Cookie Policy.